Author Archives: Tommaso Poggibonsi

I disabili e i loro familiari non pagano il bollo auto

Anche per il 2018 i disabili sono esonerati dal pagamento del bollo per l’automobile. Chi rientra nelle categorie normate dalla legge 104, ovvero la legge-quadro del 5 febbraio 1992 per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone diversamente abili, ha infatti diritto all’esenzione di questo tributo, la tassa automobilistica (in precedenza denominata anche tassa di circolazione), che i possessori dei veicoli o dei motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana devono versare annualmente alla Regione di residenza. Per poter richiedere questa agevolazione è però necessario rispettare determinati  requisiti.

Per richiedere l’esenzione si deve possedere il tesserino che certifica la disabilità
Innanzitutto il soggetto interessato deve essere in possesso di un tesserino che viene rilasciato alle persone disabili o invalide anche temporaneamente. L’emissione del tesserino però non ha come conseguenza diretta l’esenzione dal pagamento del bollo, che non spetta a tutti gli invalidi, ma solo a determinate categorie di portatori di handicap. Come ad esempio le persone sorde o non vedenti, i disabili con handicap mentali, o con gravi capacità di deambulazione, e gli invalidi con ridotte capacità motorie.

L’esenzione può essere richiesta anche dai familiari degli invalidi

L’esenzione bollo può essere richiesta anche dai familiari degli invalidi, ma solo nel caso in cui dimostrino di aver a carico il disabile stesso. Inoltre, quest’ultimo non deve superare un reddito annuo pari a  2.840,51 euro. Ovviamente l’agevolazione sul pagamento del bollo riguarda i veicoli utilizzati per favorire la mobilità dei soggetti portatori di handicap, o gli invalidi, a carico del familiare a cui è intestata l’auto. Per quanto riguarda il mezzo, riporta una notizia Adnkronos, rientrano in questa categoria i mezzi con cilindrata fino a 2000 centimetri cubi per quanto riguarda i motori a benzina, e 2800 centimetri cubi per i motori diesel.

La richiesta di esenzione va inoltrata entro tre mesi dalla scadenza del bollo

Per procedere con la domanda di esenzione si deve procedere inoltrando la richiesta all’Agenzia delle Entrate della propria Regione entro 90 giorni dalla scadenza del pagamento del bollo auto.

Per gli anni successivi però non è più necessario presentare nuovamente la domanda, a patto che i presupposti per la richiesta siano rimasti invariati. In caso contrario, ovvero se i requisiti dovessero essere cambiati, o venissero meno o ancora, se si decidesse di vendere l’auto, l’intestatario del veicolo sarebbe obbligato a comunicare i cambiamenti avvenuti all’Agenzia delle Entrate.

 

Migliora il Pil e la pressione fiscale; stallo per i risparmi delle famiglie

Migliora il rapporto Pil-indebitamento, scende – anche se di poco – la pressione fiscale mentre il reddito disponibile delle famiglie segna il passo: sono gli ultimi indicatori rilevati dall’Istat sullo stato di salute dell’economia italiana, riferiti al primo trimestre dell’anno. Se in generale i valori sono positivi e fanno ben sperare per il futuro, uno dei dati più evidenti è che le famiglie hanno tenuto una dinamica positiva dei consumi, a fronte però di un calo del potere d’acquisto. La colpa? Dell’inflazione, che segna una seppur lieve accelerazione.

I dati del primo trimestre 2018

Nel primo trimestre dell’anno l’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 3,5%, inferiore di 0,5 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2017, dice l’Istat. Il calo “deriva da un incremento delle entrate (+1,3% rispetto al corrispondente trimestre del 2017) ampiamente superiore a quello delle uscite (+0,2%)” spiega l’Istituto nazionale di statistica.

Redditi e risparmi degli italiani

In merito ai conti delle famiglie, l’Istat afferma che “il reddito disponibile delle famiglie è cresciuto a un ritmo modesto, inferiore a quello dell’ultima parte del 2017; in presenza di una dinamica inflazionistica in lieve accelerazione, si è determinato, per la prima volta da oltre un anno, un calo congiunturale del potere d’acquisto (-0,2% nel primo trimestre)”. Tuttavia, “a fronte di tale calo, le famiglie hanno mantenuto una dinamica positiva dei consumi in volume diminuendo la propensione al risparmio”.

Nel dettaglio, riporta il rapporto pubblicato da Adnkronos, nel primo trimestre del 2018, il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato in termini congiunturali dello 0,2%, mentre i consumi sono cresciuti dello 0,8%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è diminuita di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, scendendo al 7,6%.

La pressione fiscale molla leggermente la presa

La pressione fiscale è stata pari al 38,2%, in riduzione di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: è l’ultima rilevazione dell’Istat in merito all’analisi. Nel primo trimestre del 2018 il saldo primario delle amministrazioni pubbliche (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul Pil dello 0,2% (-0,3% nel primo trimestre del 2017). L’Istituto sottolinea che nel periodo preso in esame, il saldo corrente delle amministrazioni pubbliche è stato anch’esso negativo, con un’incidenza sul Pil dell’1,2% (-1,6% nel primo trimestre del 2017).

Il robot impara a fare il caffè. Come? Con un simulatore 3D

E poi diciamo che i videogiochi distraggono dallo studio. In base a quanto sta accadendo nel mondo dell’intelligenza artificiale, stiamo sbagliando tutto. Già, perché la nuova generazione di robot sta “imparando” proprio grazie a un simulatore 3D ispirato a un celebre videogioco.

Dall’espresso all’apparecchiare la tavola, i robot imparano dai… Sims

Si chiama chiama Virtual Home questo avveniristico simulatore 3D pensato per addestrare i robot a darsi da fare in casa, insegnando loro a compiere mansioni come preparare il caffè o apparecchiare la tavola. La curiosità è che Virtual Home è dichiaratamente ispirato al noto videogame The Sims. E, se le cose andranno per il verso giusto potrebbe essere il prototipo dei futuri tutorial per i robot domestici. Il sistema è stato creato da un team di ricercatori guidati da Xavier Puig, del Massachusetts Institute of Technology, Mit.

Virtual Home, come è fatto?

Come riporta l’Ansa, stando alle prime notizie Virtual Home è un mondo tridimensionale in stile The Sims, che simula la vita dei personaggi protagonisti. Il simulatore contempla ben otto ambientazioni della casa, tra le quali soggiorno, cucina, sala da pranzo, camera da letto e ufficio. In ognuno di questi ambienti un personaggio virtuale può eseguire fino a 1.000 attività diverse, insegnandole al robot. “Mostrare le azioni con un programma per computer ha il vantaggio di fornire descrizioni chiare e inequivocabili di tutti i passaggi necessari per svolgere un’attività”, ha dichiarato il dottor Puig.

I robot imparano in maniera diversa dagli uomini

Per imparare i robot hanno bisogno di informazioni chiare ed esplicite. La loro capacità di apprendimento (al momento) non è paragonabile a quella degli esseri umani e ha bisogno di modalità più precise. Le macchine, infatti, non sono in grado di dedurre azioni che sono sottintese. Come spiegano gli inventori, a una persona si può dire di “accendere il televisore e guardarlo dal divano”, ma per dire questo a un robot bisogna aggiungere anche altre azioni, come “afferrare il telecomando” e “sedersi sul divano”. Per costruire il simulatore 3D Virtual Home, i ricercatori hanno raccolto le descrizioni di tutte le azioni (oltre 3.000) necessarie a svolgere determinati compiti, quindi le hanno tradotte negli algoritmi alla base del video. Secondo gli autori, le aziende che stanno lavorando per sviluppare assistenti virtuali o robot di compagnia potrebbero utilizzare sistemi come questo per addestrare i loro robot.

Il futuro della scuola dei robot? Su YouTube

Per il futuro, però, si punta ad addestrare i robot attraverso video reali e non simulazioni, perché le macchine apprenderebbero con molta più facilità. Così i robot avranno la loro scuola su YouTube, con tutorial dedicati.

“Caro contribuente, ecco come lo Stato usa le tue tasse”

Pagare le tasse, sebbene sia un atto dovuto, non piace a nessuno. Però il fatto di sapere come e dove verranno impiegati i propri soldi potrebbe far indorare la pillola ai tartassati contribuenti. Dovrebbe essere questo lo scopo dell’iniziativa dell’Agenzia delle Entrate che da qualche giorno, in concomitanza con l’avvio della stagione della dichiarazione dei redditi, ha attivato una una pagina informativa personalizzata con la quale circa 30 milioni di italiani potranno conoscere come sono state utilizzate le imposte che hanno versato nell’anno precedente. Quanto degli importi pagati all’erario è servito per finanziare la scuola e quanto la sanità, che cifra è servita a pagare i servizi di trasporto e quanto invece è stato assorbito dagli interessi del debito pubblico.

“Migliorare il senso di partecipazione”

“Migliorare il senso di partecipazione dei cittadini troppo spesso considerati solo contribuenti”, è la filosofia di questa ‘operazione trasparenza’ che rientra nel percorso tracciato dal direttore delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini. Quindi tutti quelli che accederanno alle pagine telematiche del sito dell’Agenzia con le password del fisco o con Spid – il sistema pubblico di identità digitale – vedranno aprirsi una pagina con una piccola introduzione personalizzata. “Nella speranza di fare cosa gradita – riporta la ‘lettera’ – Agenzia delle Entrate desidera fornirti alcune informazioni con l’obiettivo di essere ancora meglio al servizio tuo e dell’intera comunità. (…) Contribuire alla propria comunità è essenziale, ma riteniamo lo sia anche avere la consapevolezza, per rispetto del cittadino prima ancora che del contribuente, di come vengano utilizzate le risorse fiscali”.

30 milioni gli italiani coinvolti

I destinatari di questa missiva sono circa 30 milioni: 20 milioni che compilano il modello 730 direttamente o tramite intermediari e altri 10 milioni che invece dichiarano attraverso il modello Redditi. Sono quelli che già usano il fisco telematico per diverse ragioni, ma anche coloro che inviano la dichiarazione tramite un Caf o un professionista abilitato. Attraverso questo nuovo strumento ad hoc si potrà conoscere come sono state distribuite le risorse fiscali – considerando l’Irpef, le diverse addizionali, la cedolare sugli affitti e tutti gli altri prelievi sul reddito – in un quadro sintetico. Ci saranno una tabella e un grafico a torta con le diverse voci del bilancio pubblico: sanità, previdenza, istruzione, sicurezza, ordine pubblico, trasporti, cultura, protezione del territorio, ma anche la quota parte del debito pubblico o come si contribuisce al bilancio dell’Unione europea, oltre ai servizi generali delle pubbliche amministrazioni

Attenzione al pinguino truffatore su Google Play

Attenti all’app del pinguino: l’allarme riguarda Google Play e il gioco Pingu Cleans Up. Un gioco che prima di essere rimosso dalla piattaforma ha fatto sottoscrivere agli utenti più distratti un abbonamento di 5,49 euro alla settimana. Sfruttando il metodo di pagamento legittimo di Google Play, l’obiettivo principale di Pingu Cleans Up riguardava infatti gli account registrati su Google Play, che prevedono l’inserimento dei dati relativi alla carta di credito.

Pingu Cleans Up è stato installato tra le 50.000 e 100.000 volte prima di essere rimosso

Eset, l’azienda specializzata in sicurezza informatica, ha individuato una tecnica di frode su Google Play che sfrutta unicamente la disattenzione dell’utente. Secondo i ricercatori dell’azienda il trucco funziona sul presupposto che molti utenti cliccano su qualsiasi finestra dall’aspetto legittimo senza prestare troppa attenzione al contenuto. Proprio come è accaduto ai numerosi utenti truffati da Pingu Cleans Up: il gioco è stato caricato su Google Play l’8 febbraio 2018 ed è stato installato tra le 50.000 e 100.000 volte prima di essere rimosso dopo la segnalazione di Eset al team di Google. E osservando le valutazioni e le recensioni sembra che molti “giocatori” inizialmente abbiano lasciato commenti positivi, indipendentemente dall’uso fuorviante del metodo di pagamento di Google Play, riferisce Adnkronos.

L’addebito veniva ripetuto ogni settimana fino all’annullamento della sottoscrizione

In pratica, dopo essere stata eseguita, l’app consentiva agli utenti di personalizzare l’avatar del pinguino in tre passaggi. Nei primi due passaggi, per scegliere l’attributo desiderato gli utenti dovevano cliccare ‘conferma’ su una finestra pop-up che appariva in primo piano. Nella terza fase, gli utenti con i dettagli della carta di credito memorizzati vedevano una finestra simile alle precedenti, in cui al pulsante ‘conferma’ era però sostituito quello ‘iscriviti’. A questo punto, alle vittime venivano addebitati 5,49 euro sulla carta collegata ai loro account. Il pagamento veniva quindi ripetuto settimanalmente fino a quando l’utente non annullava la sottoscrizione direttamente dall’app.

Agli utenti che non avevano una carta di credito collegata al proprio account veniva mostrata una finestra diversa nel terzo passaggio, in cui si richiedeva di aggiungere un metodo di pagamento per completare l’acquisto.

Controllare attentamente le valutazioni e recensioni degli altri utenti

“Per non essere ingannati da truffe simili a questa – consiglia Eset – è necessario, prima di installare un’app controllare attentamente le valutazioni e recensioni degli altri utenti. Inoltre, nel caso si consenta ai figli di installare e giocare sul dispositivo dei genitori, è consigliabile creare un account separato che non sia collegato ad alcuna carta di credito. Ultimo, ma non meno importante, utilizzare una soluzione di sicurezza mobile affidabile per proteggere il dispositivo Android dalle ultime minacce”, conclude la società.

Cyber crime, un danno mondiale da 600 miliardi di dollari

Il cyber crime, oltre ai rischi intrinsechi che porta con sé – dal furto di identità al blocco del proprio computer, dal rischio di trovarsi clonate le carte di credito alla perdita dei propri dati bancari – rappresenta un vero e proprio “buco nero” nell’economia mondiale. Un danno gravissimo che pesa sui bilanci di stati e aziende per diverse centinaia di miliardi di dollari.

I crimini sul web valgono lo 0,8% del Pil globale

Il cyber crime costa all’economia mondiale quasi 600 miliardi di dollari, pari allo 0,8% del Pil globale. Lo dice un rapporto realizzato da McAfee e dal Center for Strategic and International Studies (CSIS), un dato in aumento rispetto allo studio precedente che nel 2014 ha stimato le perdite globali in circa 445 miliardi di dollari.

Truffatori tecnologici sempre più esperti

Secondo la ricerca la crescita è avvenuta nell’arco di tre anni grazie all’abilità dei criminali informatici di adottare “rapidamente le nuove tecnologie e alla relativa facilità di entrare nelle fila della criminalità informatica” ma anche per “la crescente sofisticazione finanziaria dei criminali informatici di alto livello”.

Il furto più praticato? Quello di proprietà intellettuale (tecnologia militare compresa)

I ricercatori hanno rilevato come il furto di proprietà intellettuale rappresenti almeno “il 25% del costo della criminalità informatica e minacci la sicurezza nazionale quando si tratta di tecnologia militare”. Il ransomware, cioè quei virus particolarmente aggressivi che prendono in ostaggio il PC e per liberarlo bisogna pagare un riscatto agli hacker, rappresentano lo strumento di criminalità informatica in più rapida crescita. Un altro aspetto da non sottovalutare è poi l’avvento delle valute digitali, come i Bitcoin, che consentono transazioni di denaro in anonimato. Lo stesso vale per lo sviluppo di  software come Tor, che consentono di navigare senza essere tracciati: grazie alla tecnologia, quindi, i criminali sono ben protetti dalla possibilità di essere identificati.

Il digitale ha trasformato anche il crimine

Insomma, più tecnologia equivale anche a più rischi per chi la utilizza dalla parte dei “Buoni” e più opportunità per chi se ne serve dalla parte dei “Cattivi”. E mettersi al riparo dagli attacchi, anche se si seguono tutte le norme in merito, non è sempre facile né sicuro al 100%.

“Il digitale ha trasformato quasi tutti gli aspetti della nostra vita, compresi il rischio e il crimine, che digitalizzandosi è diventato più efficiente, meno rischiosa, più redditizio e facile da compiere come non mai”, commenta Steve Grobman, Chief Technology Officer di McAfee.

Lombardia, le imprese sono attente all’ambiente: la sostenibilità è un driver strategico

Le imprese lombarde sono attente all’ambiente, anche come driver strategico per emergere sui diversi mercati. L’attenzione per l’ambiente è infatti sempre più percepita come un fattore di competitività dalle aziende. Un elemento confermato dal fatto che negli ultimi dieci anni sono quasi 20 mila i certificati ambientali ISO 14001 rilasciati in Italia. Di questi, ben uno su cinque è stato riconosciuto ad aziende lombarde (3.698 tra sedi, filiali e stabilimenti). Solo nel corso del 2017, i rilasci di certificati in Italia hanno raggiunto le 2 mila unità, delle quali 366 in Lombardia, con un incremento in valore assoluto rispetto all’anno precedente rispettivamente di +173 e +8. I dati emergono da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi su dati Accredia, Ente Italiano di Accreditamento.

Milano è la prima in Italia

Milano è il primo bacino in Italia e in Lombardia per numero di imprese certificate: 1.353 in dieci anni rispetto alle 1.026 di Roma, alle 905 di Torino, alle 580 di Napoli e alle 533 di Bologna. In Lombardia si distinguono in questo ambito anche Brescia con 470 certificazioni in dieci anni, Bergamo con 462, Monza e Brianza con 261, Varese con 248. Quasi 200 certificati assegnati alle imprese di Mantova e Como. In crescita i rilasci in un anno a Bergamo (+14), a Mantova (+7) e a Varese (+6).

Economia green, un trend in continua ascesa

L’economia green in Italia rappresenta un trend in continua ascesa. Secondo un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi su dati del registro imprese, nel 2017,  questa filosofia imprenditoriale ha toccato 53 mila imprese, +4% in un anno, +33% in cinque anni con 436 mila addetti. Questo specifico settore è trainato dalla crescita delle grandi città: Milano con 4 mila imprese, Roma con 3 mila, Torino con 2 mila. È Bolzano a segnare il maggiore incremento in cinque anni, col raddoppio delle imprese, che oggi hanno raggiunto quota 1.848. In un solo anno, il comparto green in Lombardia è aumentato del +3%, per un totale di 10 mila imprese e circa 80 mila addetti. In cinque anni il settore ha messo a segno un incremento regionale del +28%. Questa tipo di imprese è maggiormente diffusa a Milano (4 mila), Brescia e Bergamo (oltre mille), Varese e Monza con oltre seicento. Tra le province lombarde, il settore cresce in maniera più significativo a Lecco e Monza (+6%).

IVA, si riducono i tempi dei rimborsi

Buone notizie per chi ha crediti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. Ora, infatti, si accorciano i tempi di pagamento dei rimborsi IVA. Con il nuovo anno è proprio l’Agenzia delle Entrate ad accreditare le somme dovute sui conti correnti delle imprese, senza altri passaggi attraverso le tesorerie provinciali. Tradotto in “tempo”, significa accrediti più veloci di tre settimane.

Gl estremi della novità

Questa innovazione è stata sancita dal provvedimento firmato dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini che, in attuazione del decreto legge n. 50 del 2017, definisce le modalità tecniche di scambio delle informazioni con Agenzia delle Entrate – Riscossione e Riscossione Sicilia S.p.A.  L’anno che si è appena chiuso, riferisce poi l’Agenzia, fa registrare rimborsi complessivi per oltre 16 miliardi di euro a circa 3 milioni e 400 mila soggetti tra famiglie e aziende. L’importo complessivo restituito dal Fisco supera del 13% quello del 2016.

I rimborsi alle imprese e ai professionisti

Ma a quanto ammontano i rimborsi dovuti alle imprese nel corso del 2017? In base a quanto pubblicato da AdnKronos, l’anno scorso le Entrate hanno erogato 1,3 miliardi di euro di rimborsi Ires a 11mila aziende e oltre 1 miliardo di euro di rimborsi di imposte dirette derivanti dalla deducibilità Irap a ulteriori 946mila richiedenti. Per quanto riguarda l’IVA, nel 2017 oltre 68mila imprese, artigiani e professionisti hanno ricevuto rimborsi per circa 12 miliardi di euro. Relativamente ai rimborsi IVA, l’Agenzia delle Entrate ha avviato nuove modalità di lavorazione delle richieste basate sul profilo di rischio dei contribuenti. Infatti, in relazione al profilo di rischio, individuato in modo completamente automatizzato, viene differenziata l’istruttoria degli uffici. In tal modo da un lato è velocizzata l’erogazione dei rimborsi IVA di quelle imprese che presentano un basso profilo di rischio, dall’altro il personale dell’Agenzia delle Entrate può dedicarsi con maggiore intensità al controllo delle posizioni più rischiose.

Tempi scesi a circa 90 giorni

Grazie all’introduzione di queste nuove metodologie, i tempi di lavorazione delle istanze di rimborso sono passati da 180 giorni medi del 2014 a circa 90 giorni medi del 2017 di cui circa 20 dovuti a passaggi intermedi nelle tesorerie provinciali che scompariranno definitivamente nel 2018 grazie al provvedimento firmato dal direttore che recepisce quanto previsto dal dl 50/2017.

L’annuncio passa sul cellulare

Per avvisare i cittadini dell’avvenuto accredito di un rimborso, nel corso del 2017 l’Agenzia ha inviato circa 38mila sms, di cui 16mila solo nel mese di dicembre. Per ricevere le comunicazioni del Fisco e essere informati in tempo reale, basta fornire il proprio numero di cellulare nell’area riservata del sito di Agenzia delle Entrate.

Nuovi apparecchi nei cieli europei: decollano i “satelloni”

Anche se il nome appare decisamente buffo, quasi ispirato ai personaggi dei cartoni animati, i “satelloni” stanno per diventare il nostro futuro spaziale. Questi strani oggetti sono infatti la scommessa dell’Agenzia spaziale europea, l’Esa, per osservare la Terra dall’atmosfera.

Satelloni pronti al decollo

Ma cosa sono questi nuovi satelloni? Si tratta di una sorta di satelliti di ultima generazione, per certi versi simili ai droni, che guarderanno e osserveranno il Pianeta Terra dall’alto. Decisamente in alto: la loro quota sarà superiore a quella degli aerei di linea, e voleranno sicuri nell’atmosfera. Sono loro la prossima scommessa dell’Agenzia spaziale europea (Esa), che punta su queste nuove piattaforme volanti per le attività di monitoraggio e sorveglianza del territorio, ma anche per potenziare le telecomunicazioni e i servizi di navigazione satellitare.

Una tecnologia attesa da oltre 20 anni

“Abbiamo valutato questa idea per almeno 20 anni e ora sta finalmente diventando realtà”, ha spiegato all’Ansa l’esperto di osservazione della Terra, Thorsten Fehr. “Questo è reso possibile dalla maturazione di tecnologie chiave, come l’avionica miniaturizzata, le celle solari ad alta efficienza, le batterie ultra leggere, i sensori per l’osservazione terrestre miniaturizzati e i collegamenti a banda larga che possono offrire servizi a prezzi competitivi”.

Tutte le capacità dei droni-satelliti

A dire la verità, il nome ufficiale dei satelloni è Haps (High Altitude Pseudo-Satellites). Si tratta di apparecchi molto sofisticati capaci di operare e fluttuare a circa 20 chilometri d’altezza, dove la velocità dei venti è abbastanza bassa da consentire lo stazionamento in una determinata posizione per diverse settimane o addirittura mesi. Da queste altezze, i satelliti-droni saranno in grado di monitorare una porzione di Terra che arriva fino a 500 chilometri di distanza. Le applicazioni, una volta che la tecnologia sarà a pieno regime, sono davvero numerose: “per quanto riguarda l’osservazione della Terra, potrebbero offrire una copertura prolungata ad alta definizione per regioni prioritarie, mentre per la navigazione e le telecomunicazioni potrebbero restringere i punti ciechi e combinare la banda larga con un ritardo di segnale trascurabile” spiega uno dei direttori dell’Esa, Antonio Ciccolella.

Pronti, partenza, decollo

Insomma, la tecnologia c’è e il know how di diverse casa aeronautiche anche. Infatti sono già numerose le aziende europee del settore che stanno presentando le loro piattaforme: Airbus è impegnata nella realizzazione della versione extralarge di Zephyr, il velivolo a energia solare che ha ottenuto il record di 14 giorni di volo senza rifornimenti, mentre Thales Alenia Space ha annunciato per il 20121 il lancio di Stratobus, velivolo ultrasofisticato e ultraleggero.

Regioni italiane sul web, quale ha la migliore reputazione? Alto Adige sul podio, l’Umbria la più ospitale

In un mondo sempre più digitale e connesso, la reputazione sul web è un valore e un assett fondamentale. Soprattutto  per il comparto del turismo, un “universo” che si basa proprio sulle emozioni e sulle esperienze. La riprova di quanto sia importante una “buona fama” in rete arriva anche da una recente premiazione, la seconda edizione del Premio Italia Destinazione Digitale assegnato dalla startup italiana Travel Appeal. La classifica delle migliori fra le migliori è il frutto di un lavoro immenso. Sono state infatti considerate ed elaborate a livello semantico, grazie a un apposito sistema di intelligenza artificiale, oltre 7 milioni di recensioni online (un milione in più rispetto alla prima edizione del premio, nel 2016) apparse sui principali canali di prenotazione e recensione e relative a oltre 200 mila strutture ricettive tra alberghiere, extralberghiere e appartamenti (+85% rispetto all’analisi del 2016).

La classifica dalla A alla V

Il frutto di una simile elaborazione è una classifica che vede sei regioni premiate in altrettante categorie. In cima alla hit, con un onorevolissimo oro, si piazza l’Alto Adige, che si è aggiudicato il primo posto in termini di reputazione digitale (sentiment positivo 88.5%; l’anno scorso il primo premio era andato alla Basilicata). La regione più recensita è il Veneto (888.045 recensioni), la più accogliente è l’Umbria (sentiment positivo 94,7%), quella più amata dai turisti stranieri la Basilicata (88,9%), mentre il Piemonte vince il riconoscimento per la miglior connettività. La Calabria conquista il premio per la fidelizzazione. Alla Valle d’Aosta spetta invece una menzione speciale quale regione più promettente.

Gli stranieri premiano la destinazione Italia

Le strutture ricettive italiane escono decisamente bene da questa indagine. La soddisfazione generale dei turisti che vi hanno soggiornato è fortemente positiva, addirittura  in miglioramento, con un sentiment positivo dell’83,9%, pari a +1,5 punti rispetto all’analoga analisi del 2016. La soddisfazione degli ospiti è buona in tutto lo Stivale, però il Sud mette a segno un aumento di gradimento più rilevante, con un sentiment positivo dell’85%, +2 punti sul 2016, rispetto al Nord e al Centro Italia.

I più soddisfatti della vacanza in Italia? I russi

Tra i tanti visitatori provenienti dall’estero, sono i tedeschi i più generosi in termini di numero di recensioni online. Quelli che invece manifestano i tassi maggiori di soddisfazione sono i russi seguiti, tra gli altri dieci mercati internazionali principali, dai francesi e dagli americani. Gli aspetti che più piacciono delle strutture ricettive italiane, in base ai commenti espressi sul web, sono nell’ordine la pulizia, l’accoglienza e la posizione.